Class action pizza e mandolino


Bookmark and Share

Ben lontani dalla class action da telefilm americano, dove alla fine le povere vittime riescono a essere risarcite anche contro colossi industriali, la class action all’italiana è un po’ pizza e mandolino e anche un po’ aumma a aumma.
In vigore dal primo gennaio 2010 ha procedure e limiti che rischiano di renderla lenta ed inefficace (alla faccia del tanto inneggiato processo breve).
Ai tempi lunghi propri dal sistema giudiziario congestionato e ai tempi per passare attraverso tutti e tre i gradi di giudizio, (si arriva come nulla a 10 anni) si va ad aggiungere la possibilità di sospensione della class action per i seguenti motivi:
1) Se esiste una istruttoria in corso davanti ad una authority
2) Se c’è un giudizio amministrativo pendente (un ricorso al TAR per esempio)
A tutto questo si va ad aggiungere la mancanza di retroattività della legge, quindi le vittime di bollette gonfiate Telecom, Parmalat, Cirio, bond argentini e clinica S.ta Rita, dovranno mettersi il cuore in pace, la class action certo non aiuterà loro.
Ciliegina sulla torta: è addirittura punitiva per chi promuove una azione che viene dichiarata inammissibile. In questo caso infatti i promotori dovranno: pagare di tasca propria la pubblicità necessaria a rendere nota l’inammissibilità, pagare tutte le spese legali, provvedere al risarcimento dell’azienda …. insomma, prima di provarci pensateci bene.
Per le aziende che si occupano di servizi pubblici potrà essere usata la carta dei servizi per stabilire l’indennizzo agli utenti. Questa è una pessima idea per due motivi: il primo è che le carte dei servizi prevedono indennizzi bassissimi o nulli, la seconda è che questa possibilità è un invito alle aziende ad abbassare ulteriormente i livelli di indennizzo e le condizioni favorevoli agli utenti.

Insomma, una nuova pensata all’italiana non certo per favorire i più deboli.

Fonte: Soldi e Diritti – Altroconsumo

Saluti a tutti.

Bookmark and Share

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: